Ultimi immobili

tea1634547675.jpg
Affitto: € 1.500
tea1633595808.jpg
Affitto: € 500
tea1632997488.jpg
Affitto: € 550

MutuiOnLine

Notizie

Regime "Cedolare Secca"
Giovedì 15 Novembre 2012
IL REGIME DELLA CEDOLARE SECCA   La "Cedolare Secca" nasce come imposta alternativa facoltativa al regime ordinario vigente ed applicabile solo su opzione del proprietario. La nuova imposta non può essere applicata a tutti i canoni di locazione, ma solo a quelli relativi a contratti stipulati per immobili ad uso abitativo (e relative pertinenze,... Leggi tutto...
Novità per gli acquirenti di immobili da costruire
Lunedì 27 Giugno 2011
Il D. Lgs. 169/2007 (G.U. n. 241 del 16.10.2007), in vigore dal 1 gennaio 2008, ha apportato alcune modifiche alla normativa che disciplina il fallimento (Regio Decreto 267/1942). Le modifiche hanno riguardato: - revocatoria dei contratti stipulati dal debitore fallito in danno ai creditori - scioglimento dei contratti preliminari di vendita... Leggi tutto...
Touch Screen nei condomini
Lunedì 22 Novembre 2010
Touch screen nei condomini Scendere le scale di casa, fermarsi al video on line installato nell’ingresso del palazzo e scegliere, solo toccando lo schermo, il negozio che propone il miglior prezzo per frutta e verdura. Oppure sfiorare un’altra parte dello schermo e vedere qual è la farmacia aperta più vicina o ancora quali nuovi servizi... Leggi tutto...
Danni provocati a terzi da un immobile in locazione
Venerdì 29 Ottobre 2010
Danni provocati a terzi da un immobile dato in locazione. Chi ne risponde? Cass. civ., sez. III, 26 giugno 2007, n. 14745. Il proprietario di un immobile locato risponde, ex art. 2051 c.c., dei danni causati a terzi dall’immobile stesso nel solo caso in cui tali danni siano derivati dalle strutture murarie dell’ immobile o dagli impianti... Leggi tutto...
Contratto d'affitto
Lunedì 18 Ottobre 2010
Il fisco può scoprire versamenti in nero anche attraverso le fatture del gas e della luce. La tentazione può venire, oppure si rimanda di continuo e alla fine si è fuori tempo massimo. Morale: il contratto d’affitto non viene registrato, locatario e inquilino non versano l’imposta dovuta, e forse pensano di farla franca. Bene, se fino a un... Leggi tutto...
Regime "Cedolare Secca" E-mail
Giovedì 15 Novembre 2012 18:08

IL REGIME DELLA CEDOLARE SECCA

 

La "Cedolare Secca" nasce come imposta alternativa facoltativa al regime ordinario vigente ed applicabile solo su opzione del proprietario.

La nuova imposta non può essere applicata a tutti i canoni di locazione, ma solo a quelli relativi a contratti stipulati per immobili ad uso abitativo (e relative pertinenze, se affittate congiuntamente all'abitazione), con esclusione delle locazioni effettuate nell'esercizio di una attività di impresa, o di arti e professioni, ovvero da enti non commerciali. Al di fuori di questi casi di esclusione, l'imposta è applicabile a qualsiasi tipologia di contratto, ivi comprese le locazioni di durata non superiore i 30 giorni, per le quali non sussiste l'obbligo di registrazione e le locazioni a "canone concordato", che già godevano di un regime di tassazione agevolato.

L'imposta sostituisce l'irpef e le addizionali, nonchè l'imposta di bollo sul contratto di locazione, e si applica nella misura - "secca", appunto - del 20%.

L'imposta assorbe anche l'imposta di registro sul contratto di locazione.

Resta comunque fermo l'obbligo di registrare il contratto, ma (finalmente!) la registrazione assorbe gli ulteriori obblighi di comunicazione, compreso quello alla Autorità di Pubblica sicurezza.

L'introduzione della "cedolare", com'è di tutta evidenza, comporta un risparmio per i contribuenti e, quindi, un minor gettito per l'erario; minor gettito che dovrebbe essere compensato dal recupero dell'evasione. Circa il risparmio per i contribuenti, va subito detto che, come sempre accade quando si sostituisce un imposta progressiva con una ad aliquota fissa, i vantaggi crescono con il crescere del reddito.

La scelta alla fine operata di fissare al 20% la misura dell'aliquota amplia, in maniera significativa, la platea dei proprietari che troveranno conveniente il nuovo regime, dovendosi ritenere assolutamente marginale la misura di coloro che riterranno di non applicarlo.

La nuova imposta appare talmente interessante da far ritenere che, difficilmente, sopravviveranno i contratti di locazione stipulati in base ad accordi definiti in sede locale (c.d. contratti di locazione "concordati" o "concertati"). Questi contratti prevedono una limitazione del canone, secondo gli accordi sindacali, compensata da un regime fiscale agevolato (l'irpef si paga sul 59,5% del canone e l'imposta di registro sul contratto è ridotta del 30%), ma dopo l'introduzione della "cedolare secca" il vantaggio fiscale di questa tipologia di contratto è generalmente destinato a sparire e i proprietari difficilmente avranno ancora convenienza a ricorrervi.

Fonte : MEDIARE n. 1. 12/10

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Novembre 2012 09:36
 
 

Vetrina

Cerca immobile



Ricerca Libera o per codice
Prezzo
-  €

Stato
Regione
Provincia
Citta
Zona


Ricerca Avanzata

Sondaggio

Utilizzeresti il regime "cedolare secca"
 

Chi è OnLine

 6 visitatori online

Numero Visite

Tot. visite contenuti : 555079